lunedì 10 settembre 2012

Mergozzo 2012, che stanchezza!

Arriva anche quest'anno l'ultima gara di triathlon, e anche quest'anno chiudo con il mezzo ironman. L'anno scorso gara obiettivo, quest'anno gara di divertimento.

Come prima cosa son contento di non avere avuto nessuna sfiga!!!!

Parto sabato dopo pranzo per Mergozzo, arrivo alle 15:30 ed é già pieno di triathleti ganassa che girano a petto nudo, con i short da bici e le bretelle tirate giu', urlando, e non parlando, tutti i grandi risultati della loro stagione.

Io faccio il mio allenamentino di rifinitura, ed aspetto la cena.
Cena e limoncello offerto dalla casa, due passi e gelato.

La notte passa abbastanza tranquillamente, la mattina mi sveglio risposato alle 5:30 per far colazione. In giro ancora non c'è nessuno, solo i volontari e metter su la finish line.

Metto apposto le mie cose, caffé, vado in zona cambio, tutto con estrema tranquillità. Faccio riscaldamento con Nik, compagno di squadra, e in un attimo si fanno le 10, orario della partenza.

Tutti in acqua, 3 2 1 si parte, anzi solo un PEEEEEEEEEEEEEEEE e si parte.

Non tiro e seguo le boe bianche di direzione, ogni tanto mi prendo qualche cazzotto in testa da qualcuno che preferisce passarmi sopra che di lato, ma mi faccio rispettare... In 35 minuti sono fuori dall'acqua e senza crampi. Corro in T1 spostando gente a destra e sinistra lungo la lunga strada tra il lago e la zona cambio.

Senza problemi mi tolgo la muta e parto. Primi 10-15 minuti tranquilli, intorno ai 35 (il vento a favore mi da anche una mano), i controlli degli arbitri sono massicci e continui, ma non mi danno fastidio, anzi! Io faccio la mia gara e non sto in scia di nessuno.
Il primo giro dei due, vola via velocemente. Ed anche nel secondo riesco ad avere la medesima velocità, riuscendo a riprendere e a staccare diversa gente negli ultimi km dove un forte vento contrario da molti problemi. 2:21 netti una media di 38,5 e 23° posto assoluto in bici!
Infatti oltre ai PRO e agli atleti con Rank alto non c'è nessun altro in T2, son felice come una pasqua!

Metto le scarpette, ed inizio a correre, ma le gambe per la corsa non ci sono, proprio no..... Sembra proprio che i muscoli e la voglia poi siano andate in vacanza. corro bene solo i primi 4 km, gli ultimi 17 sono un calvario, tra caaaaaaldo e sole a picco e difficile andare avanti, la media si abbassa sempre di piu' e le spugne ai rifornimenti diventano l'unico modo di avere un minimo di refrigerio.
Sento tutte la stanchezza di questi ultimi mesi, tra preparazione dell'IM, gara dell'IM e olimpico della settimana prima, dopo un discreto nuoto e una buona bici, so che non posso fare risultato e che non sono minimamente preparato per quella gara.
Mi sta bene cosi, sono già soddisfatto, alla fine 4:52, 15° di categoria, 59° assoluto e due belle birre ghiacciate che mi aspettano :-)

9 commenti:

  1. Risposte
    1. mah.... ho imparato quasi a non incavolarmi piu'. Io faccio la mia gara, poi se qualcuno vuol fare il furbo....

      Ci son state, ma nelle retrovie. Nei gruppi in testa vedevo gente che anche se in gruppo si facevano i cavoli loro.

      Alla fine far scia in queste gare é da persone non preparate, i primi non si fanno buttar fuori per certe cacate....

      Elimina
  2. Risposte
    1. io vorrei parlare della maleducazione!

      Elimina
    2. ah ok...complimentoni per la gara cmq..
      un giorno spero di farla anch'io!! :-)

      Elimina
  3. porca miseria 23° assoluto è tanta tanta roba.... mi sa che le Easton sono un grande acquisto vero?
    GRANDE Marco..... stagione da incorniciare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grandi ruote! ma anche il casco a goccia, messo per la prima volta domenica, ha dato una buona mano!

      Il prossimo anno sarà ancora meglio, con qualche gara in meno ma preparata meglio ;-)

      Elimina
  4. Accidenti, che frazione in bici!
    E il casco centra poco, non far il modesto.
    Faceva caldo, tanto, in pochi non l'han patito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ho patito tutto nella corsa il caldo! :-)

      Elimina